I “campi limite” delle scienze.

“Si è usi da lungo tempo ad una certa suddivisione delle scienze naturali in determinati principali campi di ricerca. In questi rientrano la Fisica, la Chimica, l’Astronomia, la Geologia e infine la Biologia. Il continuo allargarsi delle nostre conoscenze, il cui ritmo oggi ha assunto il carattere di una valanga, porta a suddivisioni sempre più particolari: ogni campo di indagine scientifica tende a suddividersi in sottocampi a sé stanti ognuno dei quali, data la completezza del suo contenuto, viene ad assurgere al rango di scienza a sé. A questa tendenza generale ad una ripartizione in rami sempre più numerosi, corrisponde poi un’altra tendenza caratteristica dello sviluppo scientifico: i «campi limite», le regioni di contatto dei diversi rami, dove divengono possibili scambi e collaborazione tra le varie scienze, rivelano sempre una particolare fecondità e conducono a conseguenze di grande portata per l’approfondimento delle nostre conoscenze.
La fisica, nel progressivo sviluppo della ricerca, ha rivelato in particolare misura connessioni con altri rami della scienza. Sono nate cosi la «Chimica-fisica»; la «Astrofisica»; la «Geofisica» e la «Biofisica». Oltrepassando i suoi propri limiti la fisica ha invaso ogni campo e fornito alle scienze naturali affini nuovi metodi frutto di risultati di ricerche sue proprie ed ha aperto nuove possibilità di soluzione per problemi per cui i mezzi di indagini delle suddette scienze non erano stati sufficienti.
Non è un caso che proprio oggi, ai nostri giorni, questo impulso di espansione della fisica sia diventato il segno più evidente del generale sviluppo delle scienze.”

Pascual Jordan in “L’immagine della Fisica Moderna” – 1947

Pascual Jordan (1902–1980) è stato un fisico e matematico, allievo di Max Born, noto principalmente per i suoi significativi contributi alla meccanica quantistica, in particolare alla teoria quantistica dei campi. Oltre ad influenzare la meccanica delle matrici, sviluppò le relazioni canoniche di anticommutazione per i fermioni e l’algebra di Jordan per le osservabili.

Creative Commons License
Except where otherwise noted, Nonsoloformule by Vito Biasi is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.
aaa